lunedì 24 giugno 2013

"La mamma dei recruiter è sempre incinta" - Un testamento professionale -

Desidero condividere  con voi questo interessante e spietato articolo circa la selezione del personale al giorno d'oggi. Chi è la  vittima, chi il  carnefice?
Personalmente ho apprezzato moltissimo la schiettezza del collega ( più senior e, probabilmente, anche più autorevole di me!), che sinteticamente ha saputo fare un'attenta analisi di quanto sta succedendo ora in questo settore.
Questa breve e pungente disquisizione  non fornisce risposte immediate a tutti quei candidati che oggi si sentono completamente sfiduciati  nei confronti di chi dovrebbe saper gestire al meglio il loro percorso professionale, ma pone sicuramente l'accento su alcuni aspetti, forse, ignoti ai non "addetti ai lavori".
Un quadro desolante per noi selezionatori e ancor di più per chi si affida alla nostra professionalità, non sempre presente. Lungi da me, e presumo anche dall'autore Osvaldo Danzi, generalizzare troppo; esistono sicuramente microsistemi in grado di lavorare con efficienza, etica e serietà.  Tuttavia, non possiamo negare di esserci ritrovati tutti, almeno una volta, in una delle situazioni descritte. Ho letto le parole di Osvaldo con acceso interesse, ho condiviso in toto molti aspetti, gli stessi che, probabilmente, hanno portato entrambi a decidere di optare per una svolta radicale.  Per l'amore di questa meravigliosa professione.
A voi.

http://www.fiordirisorse.eu/blog/2013/06/17/la-mamma-dei-recruiters-e-sempre-incinta-il-mio-testamento-professionale/

venerdì 21 giugno 2013

Si salpi (Chi può) !

Ho messo in cantiere questo blog esattamente un anno fa, a Giugno 2012, spinta da continui ed esilaranti spunti forniti dalla quotidianità della mia professione. Sono una giovane recruiter, addetta alla selezione del personale, cacciatrice di teste, consulente in ambito risorse umane, account di agenzia, responsabile di reclutamento, HR specialist o..(fatemi pensare a  quanti altri epiteti mi sono stati dati).. beh " signorina del  tu sì, tu no" ( tra i miei preferiti ) va citato, almeno per dare valore a chi a me non ne ha dato.Tralascio i più volgari, gentilmente concessi da chi non ha superato i miei colloqui o da chi è convinto che una ragazza di bella presenza in realtà fissi colloqui solo per trovare divertenti passatempi, magari per la cena.
L'idea iniziale era quella di condividere con voi gli aspetti più divertenti del mio lavoro, vere e proprio chicche che avrebbero deliziato anche i palati più fini. Al tempo stesso avrei unito l'utile al dilettevole: raccontandovi aneddoti relativi a colloqui di selezione, avrei provato, con estrema modestia, a darvi qualche suggerimento per indirizzare al meglio la ricerca di quanti, ahimè oggi moltissimi, stanno cercando un'occupazione.
Ho aperto un blog, gli ho dato un titolo ( ringrazio il candidato che due anni fa mi diede lo spunto) e non l'ho mai più aperto.

E' passato un anno, "la signorina del tu sì , tu no" ( perdonatemi, lo amo), è passata dall'altra parte della scrivania. Ora galleggia nel mare delle offerte di lavoro e delle flotte di CV che arrivano ogni giorno alla mail di recruiter o direttori del personale, proprio come molti di voi. I motivi del cambiamento di ruolo sono trascurabili, ma posso solo dirvi  che è stata una scelta personale. Saggia o no, lo sapremo solo più avanti.

Non vorrei che mancassero gli aneddoti, ci meritiamo tutti la capacità di sorridere ancora. Anche in tempo di crisi. Vorrei, però, dare una rotta a questo viaggio, vorrei provare ad essere il vostro Capitano, facciamo Ufficiale dai, cercando di dare le risposte alle infinite domande che mi giungono e leggo sul web in merito all'oscuro mondo della selezione del personale. E'stato detto molto in merito, googlando, poi,  possiamo ottenere un'infinità di informazioni....dalla stesura di un CV, passando per  la ricerca dei canali migliori per accedere a nuove opportunità lavorative, fino  a trucchi e segreti per un colloquio vincente. Eppure, gli interrogativi sono ancora moltissimi. Caliamo il tutto nel 2013, nel difficilissimo periodi  di crisi che viviamo  e proviamo a vedere se con scialuppe di salvataggio riusciamo ad approdare ad  orizzonti piu chiari e definiti.

Si parte, dunque. Mollo gli ormeggi e salpo con voi. Buona navigazione.

Informazioni personali

Le mie foto
Divora-zuccheri, temo gli insetti, odio la mostarda e l'incorenza. Amo Giulio, i fiori, mal tollero i falsi sorrisi, il tacco medio e chi vuole fermarmi. Appartenente ad una famiglia di donne forti ed esemplari, tengo alta la bandiera del femminismo.Con l'altra mano, però, cerco sempre Uomini che mi facciano ricredere.

Follow by Email

Visualizzazioni totali